Cerca

 

 
ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO
DEGLI UFFICI DI SEDE CENTRALE
Dal lunedì al venerdì
dalle 10.00 alle 17.00

Area riservata

login > 

Calendario

 calendario completo > 

Dalle sezioni

  • Campo A.I.B a Bracciano

    Si è da poco concluso il campo estivo che quest'anno ha preso le vesti di campo scuola di protezione civile a...

    Read More ...

  • Giornata mondiale del Pensiero “Laicità e Coeducazione nella proposta Scout in Italia e in Francia”

    il gruppo scout ARICCIA - Roma 14 CNGEI vi invita VENERDI’ 22 FEBBRAIO 2013 alla Giornata mondiale del...

    Read More ...

  • Cent'anni di scautismo. Il grande gioco della vita.

    Convegno Nazionale a cura della sezione di Lecce - Sabato 9 Marzo 2013 ore 17.00.

    Read More ...

 tutte le news > 

Altri eventi
  • E' scout la milionesima vode di Wikipedia in Italiano

    22 gennaio 2013 - L'edizione in lingua italiana di Wikipedia ha oggi raggiunto il milione di voci. E` un...

    Read More ...

  • Un invito dal Belgio

    Gli Scouts e Guides di Belgio vi invitano a partecipare al JamBe 2013 - A world of Imagination -...

    Read More ...

  • Sondaggio Regioni Europee Wosm e Wagggs per Capi e Rover

    Il servizio o volontariato è una delle aree su cui stanno lavorando le Regioni europee di WAGGGS e...

    Read More ...

 tutte le news > 

Si sta svolgendo in questi giorni a Milano il primo Corso per Giovani Giornalisti Scout presso la scuola di Giornalismo dell'Università Cattolica il cui direttore, Marco Lombardi, è nostro socio. Sono presenti 35 partecipanti provenienti da tutta Italia fra cui alcuni AGESCI che hanno accolto l'invito del CNGEI. Il Corso è stato organizzato dalla nostra associazione in partnership con Università Cattolica e con la sponsorizzazione di  Tucano Tech&Style e prevede la presenza di docenti esperti in giornalismo. Al termine del corso saranno riconosciute ai partecipanti 20 ore di formazione.
 
 
Molti di questi partecipanti - quest’estate - andranno in Giappone al Jamboree dove si uniranno a più di 30 mila persone. E’ auspicabile che possano essere i “corrispondenti” di tanti giornali locali per trasmettere e descrivere le loro emozioni, i colori dell’evento … le sensazioni di adolescenti che si mischiano in una marmellata di culture.
 
 
Da quasi dieci anni è provato, tramite casi di buone pratiche presentate da diverse Associazioni Scout Nazionali - non solo europee - nei vari consessi internazionali, che il miglior modo di parlare ai giovani è tramite i giovani, ovvero con una comunicazione tra pari. Il Corso Giovani Giornalisti [Young Correspondents/Journalists], come potrebbe essere anche un corso di Giovani Portavoce [Young Spokespeople] ha come obiettivo quello di fornire ai partecipanti strumenti che volgano al miglioramento delle loro competenze per intraprendere un ruolo attivo: come meglio presentare, descrivere e far vivere non solo la propria Associazione ma anche lo Scoutismo italiano.
 
 
 
I partecipanti saranno chiamati a sviluppare nuove competenze su come redigere un articolo, come raccontare una storia, come strutturare un documento di informazione, come scegliere un immagine accattivante e coerente che accompagni un testo scritto, come condividere principi guida nell'utilizzo dei nuovi media, etc. Intraprendendo un ruolo attivo nella propria Associazione, con maggior consapevolezza, i giovani avranno la responsabilità di contribuire ai cambiamenti in maniera positiva e più ampia possibile, partecipare ai processi decisionali “facendosi sentire/leggere” - quando e se necessario - soprattutto a livello territoriale in modo che le comunità in cui vivono li riconoscano come agenti di cambiamento.
 
 
Questi i contenuti del corso:
- Capire la notizia e raccontare una storia
- Imparare a organizzare i contenuti
- Scrivere un comunicato / lancio di agenzia (esercitazione)
- Inventare un titolo accattivante (esercitazione)
- Scegliere le immagini giuste
- L’intervista: lavorare con una griglia di domande
- Lo smartphone come arma di comunicazione
- Disseminare la notizia sui social media (uso pro di Facebook, Twitter, YouTube)
- Stendere un piano editoriale per coprire un evento (esercitazione a gruppi)
 
 

Cari Fratelli e Sorelle scouts,

nella festività del Santo Patrono, vi propongo uno scritto di B.P. apparso sul “Headquarters Gazzette” nell’aprile del 1913 e raccolto, assieme ad altri, nel “Taccuino – Scritti sullo Scautismo – 1907/1941”.

“S. GIORGIO: TORNIAMO ALLE FONTI.

C’è un punto sul quale desidero particolarmente attirare l’attenzione di capi e commissari, ed è il seguente: trovo che se non si rilegge di quando in quando il proprio testo fondamentale – sia esso il Vangelo, o le Regole Reali (la Costituzione della Repubblica), o le norme che guidano ogni momento della nostra vita – si corre il rischio di ricadere nel solco della lettura di esso fatta in origine, e di agire sulla base di ciò che ci si ricorda, piuttosto che seguendo lo spirito del testo.

E’ necessario, di quando in quando, tornare alla lettura delle fonti.

         Mi accorgo che questo accade assai spesso ai capi per quanto riguarda SCAUTISMO PER RAGAZZI; essi svolgono il loro lavoro educativo su linee personali, originariamente basate su quel libro, ed anzi costituenti, in molti casi, un perfezionamento di quanto essi vi scoprirono; talora tuttavia elementi essenziali sono andati poco a poco perduti, e questo è ciò che cerchiamo di evitare.

Posso chiedere ai capi di rileggersi di quando in quando – diciamo una volta all’anno – il loro libro?

         Suggerisco come data facile da ricordarsi la festa di San Giorgio, considerato il patrono degli scouts.

         Ritengo che sarebbe utile ai capi ed utile al Movimento se ogni anno in tale occasione essi si andassero a rileggere interamente il manuale, e in particolare le pagine dedicate alla LEGGE SCOUT ed alle sue applicazioni, così da assicurare che i ragazzi vengano formati nel giusto spirito.”

 

L’esortazione del Fondatore è valida, sia per il passato come per il presente: non è il contenuto del libro che cambia con il passare degli anni, ma la nostra percezione e la nostra capacità di assorbirne e di elaborarne la sostanza.

         Rileggere anche la nostra Legge…

-      forse dovremmo essere più schietti e genuini…

-      forse dovremmo essere più generosi e fraterni…

-      forse dovremmo essere più cortesi e tolleranti…

-      forse dovremmo essere più sereni ed obiettivi…

-      forse dovremmo evitare di trascendere, a volte poco urbanamente…

-      forse dovremmo riflettere di più prima di parlare…

-      forse dovremmo ascoltare di più e rispettare le idee degli altri…

In verità, con un esame di coscienza, dovremmo…eliminare il “forse”!

Buon San Giorgio a tutti e Buona Caccia.

Claudia Viezzoli

 

A breve si svolgerà il San Giorgio, occasione in cui noi scout rinnoviamo la nostra Promessa. Nella Promessa Scout noi ci impegniamo ad "osservare la Legge Scout": la Legge Scout ci chiede di essere "fratelli e sorelle di ogni altro Esploratore/trice", di essere "buoni e generosi", di essere "cortesi e tolleranti".
 
Ciò che avviene, purtroppo, quotidianamente nel Canale di Sicilia non ci può lasciare indifferenti come cittadini e come scout. L'impegno per l'accoglienza dei migranti, per creare una società aperta e tollerante oggi più che mai deve essere prioritario per noi e per i nostri ragazzi e ragazze.
 
Il Consiglio Nazionale invita le Sezioni ad osservare un minuto di silenzio durante le celebrazioni delle attività di San Giorgio per stimolare ancora una volta tutti i nostri soci a riflettere su questa tematica importante.
 
Il CNGEI fa gli auguri a Libera, associazione contro le Mafie fondata venti anni fa da Don Luigi Ciotti.
Il CNGEI da diversi anni collabora con Libera, sia partecipando alla tradizionale marcia in memoria delle vittime delle Mafie sia con la partecipazione dei nostri ragazzi ai campi di Estate Liberi.
 
Il Corpo Nazionale auspica che le nostre due associazioni possano proseguire nel loro lavoro di rendere il Mondo un posto migliore con sempre maggiore sinergia."