Cerca

 

 
ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO
DEGLI UFFICI DI SEDE CENTRALE
Dal lunedì al venerdì
dalle 10.00 alle 17.00

Area riservata

login > 

Calendario

 calendario completo > 

Dalle sezioni

  • Campo A.I.B a Bracciano

    Si è da poco concluso il campo estivo che quest'anno ha preso le vesti di campo scuola di protezione civile a...

    Read More ...

  • Giornata mondiale del Pensiero “Laicità e Coeducazione nella proposta Scout in Italia e in Francia”

    il gruppo scout ARICCIA - Roma 14 CNGEI vi invita VENERDI’ 22 FEBBRAIO 2013 alla Giornata mondiale del...

    Read More ...

  • Cent'anni di scautismo. Il grande gioco della vita.

    Convegno Nazionale a cura della sezione di Lecce - Sabato 9 Marzo 2013 ore 17.00.

    Read More ...

 tutte le news > 

Altri eventi
  • E' scout la milionesima vode di Wikipedia in Italiano

    22 gennaio 2013 - L'edizione in lingua italiana di Wikipedia ha oggi raggiunto il milione di voci. E` un...

    Read More ...

  • Un invito dal Belgio

    Gli Scouts e Guides di Belgio vi invitano a partecipare al JamBe 2013 - A world of Imagination -...

    Read More ...

  • Sondaggio Regioni Europee Wosm e Wagggs per Capi e Rover

    Il servizio o volontariato è una delle aree su cui stanno lavorando le Regioni europee di WAGGGS e...

    Read More ...

 tutte le news > 

Vitale  di Aimo de’ Cavalli (BO, 1310-1360) San Giorgio e il drago Pinacoteca Nazionale – Bologna
Vitale di Aimo de’ Cavalli (BO, 1310-1360)
San Giorgio e il drago
Pinacoteca Nazionale – Bologna

 

Fratelli e sorelle scouts,

il 23 aprile di ogni anno nella ricorrenza di San Giorgio, il Santo Patrono degli scouts, è consuetudine rinnovare la Promessa a suo tempo liberamente pronunziata. Viene così spontaneo ripensare anche alla nostra Legge, ai suoi dieci punti e ricordandoli, verificare se li abbiamo tutti onorati.

Qualche esempio:

1° La parola dell'Esploratore è sacra.

Siamo riusciti ad avere una sola parola seria, onesta, ad essere responsabili del suo significato e dell'impegno sottostante?

4° L'Esploratore è amico di tutti e fratello di ogni altro esploratore.

Essere amico di qualcuno, vivere in concreto la fratellanza implica apertura, ascolto, accettazione della diversità, generosità, ma anche a volte sacrificio e rinuncia a qualche nostra aspirazione. In questa società egoista, arrivista, superficiale, siamo riusciti a ricordarci del compagno di scuola o del collega di lavoro, del vicino di casa, un po' timidi, introversi o tristi, aiutandoli con un sorriso, una chiacchierata od un gesto più concreto?

10° L'Esploratore è puro nei pensieri, corretto nelle parole e negli atti.

In epoca di femminicidi e bullismo, di omicidi per un parcheggio, di personaggi politici e pubblici triviali e disonesti, che imperversano quotidianamente alla Televisione...sembra una frase utopica e senza senso comune. Eppure bisogna non seguire la corrente ed insegnare ai giovani che si tratta pur sempre di una minoranza, anche se molto visibile; dobbiamo adoperarci affinché i nostri pensieri, parole, atti siano sempre ispirati al giovamento nostro e del nostro prossimo, perché se il male è contagioso, lo è anche il bene. Essere costantemente vigili affinché non sorga in noi l'indifferenza che assale al ripetersi troppo frequentemente delle medesime violenze e malvagità. Noi Scouts, avendo accettato delle regole per le nostre azioni, azioni buone e volte al bene di tutti, siamo liberi di impegnarci “per un mondo migliore”. Che San Giorgio ci protegga e ci aiuti.

Claudia Viezzoli

Direttore del Centro Studi Scout

Sono stati 150 gli adulti del Cngei che si sono incontrati a Calambrone (PI) l'11 e il 12 marzo scorsi per le Occasioni di Primavera. Ben 13 le regioni rappresentate e 42 le Sezioni presenti.



La grande partecipazione è stata ripagata dagli interessantissimi argomenti trattati, anche con l'intervento di qualificati relatori esterni: giochi per adulti 2.0, come giocare con gli adulti nelle rispettive riunioni; gestione creativa e risoluzione dei conflitti; motivare e automotivarsi; il ciclo della violenza e un vademecum per affrontarla e gestirla rispetto al ruolo ricoperto in Sezione; la laicità come scelta caratterizzante della nostra associazione

È stata anche l'occasione per consegnare la Distinzione Scout di San Giorgio ad Alessandra Rossi della Sezione di Genova e a Rino Guerrini della sezione di Borgo a Mozzano Mediavalle. Sono stati inoltre presentati gli aggiornamenti delle Branche e dei Settori ed in particolare il lancio del Campo Nazionale Branca E 2018 e il C-Ircus on Ice 2017, evento per Commissari e Capi Gruppo.

In parallelo alle OdP si è anche tenuta la riunione dei Commissari Regionali. Infine un grosso grazie ai membri dell’Equipe di Formazione e ai Senior di Livorno, Pisa e Arenzano per il servizio prestato nel corso dell'evento!

Fratelli e sorelle scout,

come ogni 22 febbraio, genetliaco di Sir Robert Baden Powell e di sua moglie Lady Olave, li ricordiamo con gratitudine per l’opera svolta a favore della gioventù di tutto il mondo.

Oggi, “Giornata del Pensiero”, accogliendo il suggerimento di WAGGGS, il Centro Studi Scout vi propone alcune riflessioni per meditare su “crescere”.

Non sono di un filosofo o pensatore, ma di un cantante e poeta rock americano, deceduto giovanissimo a causa dei suoi “eccessi”!

 

Con l’aiuto di San Giorgio, Buon Cammino.

Claudia Viezzoli

Direttrice del Centro Studi Scout

 

CRESCERE

Crescere vuol dire avere il coraggio di non strappare le pagine della nostra vita, ma semplicemente voltare pagina;

Crescere significa riuscire a superare i grandi dolori senza dimenticare;

Crescere significa avere il coraggio di guardare il mondo e di sorridere;

Crescere significa guardarsi indietro e abbracciare i ricordi senza piangere;

Crescere è saper distinguere la realtà dai sogni;

Crescere è sapersi rialzare dopo una brutta caduta;

Crescere…non tutti hanno voglia di crescere, perché sono consapevoli delle difficoltà che incontreranno crescendo…

Jim Morrison

 

Che ruolo hai in sezione e nell'Associazione?

Sono da due anni commissario della sezione scout di Valmadrera, una piccola città vicino a Lecco. Sono stata Akela e Capo Gruppo. Da un anno sono collaboratrice del Settore Internazionale come membro del Gruppo di Lavoro Stop The Violence.

Cos'è la CSW61? E perché ritieni importante partecipare?

La Commissione sullo Stato della Donna (CSW61) è una commissione che si occupa della condizione delle donne. Si tratta di una commissione funzionale del Concilio Sociale ed Economico delle Nazioni Unite. Fu creata nel 1946 e da allora si è sempre dedicata dell'uguaglianza di genere e allo sviluppo della condizione delle donne. La Commissione è composta da 45 Stati membri di tutto il mondo.

La Commissione si riunisce annualmente per valutare cosa viene fatto per promuovere l'uguaglianza di genere, capire cosa deve ancora essere fatto e porsi nuovi obiettivi concreti per migliorare la parità tra uomini e donne. WAGGGS (World Association of Girl Guides and Girl Scouts) ogni anno dà la possibilità alle Scout e Guide di tutto il mondo di partecipare a questo evento come delegate WAGGGS collabora con UN Women per poter incidere sulle vite delle ragazze e delle giovani donne permettendo loro la partecipazione alla vita sociale e l’accesso ai ruoli chiave all’interno delle culture e dei propri governi. Ogni anno partecipa alla commissione per permettere alle proprie delegate di partecipare attivamente al cambiamento e per rendere reali queste opportunità.

Il CNGEI ha partecipato nel 2016 con una delegata remota e quest’anno, per la prima volta, parteciperà con una delegate in presenza. Il tema di quest'anno sarà l'Empowerment della donna in ambito economico e lavorativo, in un contesto che cambia.

Credo che la partecipazione a questo evento sia una grandissima occasione di crescita personale. Fin da piccola sono sempre stata molto sensibile al tema dell'uguaglianza di genere, infatti, l'argomento della mia tesi di laurea triennale fu la violenza domestica e come prevenirla attraverso l'educazione. Durante la conferenza avrò la possibilità di confrontarmi con numerose persone e conoscere i rispettivi punti di vista, ascoltare esperti parlare di uguaglianza di genere, ma soprattutto, partecipare al cambiamento.

Come sta agendo il CNGEI per promuovere l'uguaglianza di genere? Perché il CNGEI è presente alla CSW61?

Nel 2014 il CNGEI ha deciso di aderire alla Campagna Stop the Violence- Speak out for girls' rights, creata da WAGGGS per rispondere alle esigenze delle guide e delle scout di tutto il mondo, e conseguentemente nel 2015 ha potuto partecipare all’evento formativo organizzato da WAGGGS e UnWomen con due socie. Dopo aver visto l’interesse in Associazione, nel 2016 è stato creato un gruppo di lavoro per portare avanti la campagna in Associazione e portare il progetto a contatto con le/i bambin@ e le/i ragazz@. Sono stati organizzati due weekend di formazione per adulti e svariate occasioni di attività per bambin@ e ragazz@. È stato presentato un workshop all’Evento Lupett@ 2015, sono state proposte attività durante GdP, San Giorgio e CCP e proposta un’Officina Rover nel 2016 e un’altra che verrà realizzata a marzo 2017. Il Gruppo di lavoro e il Settore Internazionale stanno portando avanti una programmazione definita a educare e formare le/i propri soci così che possano farsi promotrici e promotori dell’uguaglianza di genere anche al di fuori dell’Associazione.

Quest'anno è stato creato un bando rivolto a tutte le scuole italiane, per creare una campagna permanente contro la violenza di genere, bando a cui hanno aderito numerose classi su tutto il suolo nazionale.

Il CNGEI è un’Associazione laica che da sempre opera per tutelare i diritti di tutt@. È importante poter garantire le stesse opportunità alle nostre ragazze e ai nostri ragazzi, rendendoli consapevoli dei loro diritti e delle loro possibilità, dando loro gli strumenti adeguati per poter vivere bene all’interno della società. La CSW61 è un’occasione per potersi confrontare a grandi livelli su questa tematica e per portare il nostro contributo come Associazione che promuove la partecipazione attiva delle/dei propri membri e la volontà di creare un mondo migliore in cui vivere. Essere davanti alle Nazioni Unite è un traguardo importante per l’Associazione e per portare le nostre azioni ad un livello mondiale e non solo locale.

Cosa ti aspetti da questo evento?

Faccio ancora fatica a prefigurarmi cosa aspettarmi. Sicuramente mi aspetto di imparare tantissimo e sono affascinata dall'idea di incontrare donne che hanno fatto dell'uguaglianza di genere la propria missione di vita. Mi affascina l'idea che sarò circondata da persone da tutto il mondo e avrò la possibilità di ascoltare storie diverse e confrontarmi con punti di vista anche molto distanti.

Cosa vorresti riportare a casa?

Ciò che sicuramente vorrò portare a casa sarà la dimostrazione che si può far parte del cambiamento. Quando parliamo con le/i giovani, è difficile mostrare che le cose possono cambiare, sembra sempre tutto molto distante e astratto. In questa occasione, invece, io posso essere presente e toccar con mano cosa significa scegliere, discutere, porsi degli obiettivi che coinvolgono le donne di tutto il mondo.

L’associazione scout CNGEI bandisce per l'anno 2016-2017 il concorso "Voci contro la Violenza Ferma la Violenza, parla a favore delle ragazze". Obiettivo del concorso è quello di raccogliere idee e progetti per rendere permanente una campagna contro la discriminazione di genere. Attraverso il concorso i giovani diventeranno protagonisti del cambiamento, individuando strategie di prevenzione e di sensibilizzazione. Il concorso è rivolto a tutte le classi delle scuole statali e paritarie, del territorio nazionale.

Potete trovare e scaricare il bando di concorso, scheda di iscrizione e flyer a questo indirizzo:

http://stoptheviolence.cngei.it/concorso/