Emergenza UCRAINA

Le Sezioni scout CNGEI in tutta Italia si stanno muovendo per portare supporto e aiuti alle popolazioni ucraine. Ecco qua un estratto delle varie iniziative compiute fino ad ora.
Avete fatto qualche iniziativa? Mandateci tutto a [email protected]

Sezione di Bondeno (FE)

La Sezione si è resa disponibile per accogliere ragazzi e ragazze ucraini per partecipare agli incontri delle unità del sabato pomeriggio; si è inoltre resa disponibile per partecipare all’animazione di possibili esperienze estive aperte all’accoglienza dei ragazzi ucraini. E’ stata organizzata una raccolta di farmaci e
di beni di prima necessità all’interno delle famiglie del gruppo scout. Il materiale raccolto è stato inviato in Ucraina tramite la Chiesa Ortodossa di Ferrara e al gruppo scout di Bucarest che svolge servizio al confine Romania-Ucraina. Si è provveduto anche a una raccolta alimentare da destinare a profughi già arrivati sul territorio e noti alla Sezione tramite conoscenza diretta. E’ stata offerta la disponibilità all’Emporio solidale di Argenta, centro di riferimento per il supporto alimentare dei profughi del territorio. La Sezione è presente al tavolo di coordinamento istituito dal Comune di Argenta con le associazioni presenti sul territorio: tavolo che rileverà le necessità e cercherà di trovare le possibili soluzioni coinvolgendo il “Terzo settore” (istituzioni  / cooperative / associazioni).
Infine si sta cercando un coordinamento con la scuola del territorio, per affrontare la “comunicazione” con i bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze e tutti i giovani sui temi della “guerra” che “stanno permeando” la loro esistenza. ln merito all’emergenza che stiamo vivendo, per i prossimi mesi la Sezione pensa che le sue attività, a meno di ulteriori richieste che perverranno dal tavolo di coordinamento, si concentreranno sull’animazione e sull’accompagnamento dei ragazzi arrivati sul territorio e nelle raccolte di ogni tipo che saranno organizzate.

Sezione di Messina

La Sezione di Messina si è prodigata nella raccolta di farmaci, in quella alimentare, di indumenti di prima necessità e nel trasporto di persone. E’ stata organizzata un autocolonna con lo scopo di trasportare, all’andata, beni di prima necessità a un campo profughi a Przemyśl (Polonia) e al ritorno di accompagnare un gruppo di profughi dal campo fino in Sicilia.
L’impegno della Sezione si svolge attraverso il Raggruppamento Operativo Emergenze – Protezione Civile e in collegamento con il campo profughi “Villaggio Italia” nella città di Przemyśl  (Polonia), a circa 15 km di distanza dal confine ucraino.
Comunicando l’iniziativa nelle pagine social di Sezione e contattando altre Sezioni e associazioni, si è ottenuto un grande sostegno dal territorio: 
– privati hanno partecipato alla donazione
– le Sezioni CNGEI di Verona e di Senigallia hanno offerto ospitalità per le notti dei viaggio
– volontari dell’AGESCI Sicilia e del MASCI di Riposto aiutano a sostenere le spese dei mezzi
– ANOLF Catania paga un pulmino e mette a disposizione un’interprete ucraina
– il Comune di Sant’Agata Li Battiati sostiene l’iniziativa con due automezzi e del personale tecnico
– altre associazioni e privati con donazioni economiche per sostenere le spese del viaggio

Sezione di Reggio Emilia

La Sezione di Reggio Emilia è in campo al momento con due attività. Una è in corso di svolgimento e l’altra conclusa. In accordo con il coordinamento comunale di Protezione Civile e su richiesta di FCR (Farmacie Comunali Riunite), insieme alle altre associazioni con cui la sezione si è coordinata per tutto il
periodo pandemia (AGESCI; ANA, AUSER, GGEV, PC) si sono fatti dei turni presso i magazzini comunali dove la popolazione ha portato beni di ogni tipo (indumenti, coperte, alimentari, medicinali ecc…). I turni sono di tre ore alla mattina e tre al pomeriggio, per tutta la settimana e con sei volontari per turno.
Il punto di raccolta è anche dove tutte le raccolte effettuate nei comuni della provincia convergono per essere poi caricati e inviati verso Est. Il servizio non è ancora terminato anche se dalla prossima settimana a ritmo meno serrato. Si sono impegnati undici senior nei turni ed uno al coordinamento. Inoltre è stata effettuata dalle Compagnie una raccolta farmaci davanti alle farmacie della città,
in collaborazione con altre associazioni del territorio.

Gruppo di Rosolini (SR)

Un tir carico di solidarietà è partito dalla città di Rosolini per arrivare a Lublino, cittadina polacca al confine con il territorio ucraino, dove medicine, generi alimentari e indumenti verranno smistati negli otto punti di accoglienza predisposti dalle autorità locali. Gli adulti del gruppo Rosolini della Sez. di Ragusa hanno contribuito alla raccolta e alla preparazione delle 33 pedane, in sinergia con le altre realtà associative cittadine. 

Sezione di Roma

La Sezione di Roma, insieme ad altre associazioni territoriali, sta organizzando azioni in favore dell’emergenza in Ucraina

Sezione di Fermignano (PU)

La Sezione di Fermignano si è attivata in sostegno alle famiglie in arrivo dall’Ucraina con la SoSpesa, raccolta di beni alimentari e di necessità realizzata con altre associazioni (Croce Rossa, Protezione Civile, Caritas ecc.).

Sezione di Pistoia

I nostri passi lungo la strada ci hanno sempre insegnato ad avere coraggio nelle nostre scelte, a condividere le gioie ed anche le fatiche! Anche oggi, in questi giorni terribili, siamo sulla strada.Stavolta con i fratelli e sorelle che soffrono nell’est dell’Europa.Come #scout, insieme a tutti gli scout di World Organization of the Scout Movement – WOSM e World Association of Girl Guides and Girl Scouts, vogliamo dimostrare la nostra vicinanza al popolo Ucraino e a tutti i popoli che sono in sofferenza per la #guerra. Vogliamo farlo con una azione, una Buona Azione per la #Pace, che si incarni in una esperienza per le nostre ragazze e ragazzi, una partecipazione ad una marcia, una chiacchiera con qualche cittadino ucraino qui in Italia, un incontro con un anziano che è stato testimone di guerra e sofferenza, una preghiera, una meditazione, una attività significativa…un gesto che sottolinei la bellezza della fraternità e l’orrore della violenza.Vogliamo non solo indignarci, ma condividere e agire come sempre lungo la strada.