- 14 giugno

L’impegno del CNGEI per accoglienza, rispetto e tutela dei diritti

scout cngei - migranti accoglienza

Il CNGEI è impegnato a costruire un mondo migliore educando ragazzi e ragazze attraverso i valori scout contenuti nella Legge e nella Promessa. Nell’educare ad essere buoni cittadini che vivono consapevolmente nella società civile nella quale sono calati, il CNGEI insegna ai propri ragazzi, attraverso i propri capi educatori, il rispetto ed il valore delle differenze.
Il rispetto dei diritti fondamentali di ogni essere umano è alla base di ogni società civile e siamo fermamente convinti che questi diritti non possano e non debbano essere in alcun modo negati.
Con il presente messaggio vogliamo:

  • affermare con profonda fermezza la necessarietà della tutela dei diritti di tutti gli esseri umani da parte delle componenti istituzionali e associative, nazionali e internazionali
  • confermare, anche alla luce dei recenti fatti di cronaca, quale il caso dei migranti della nave Aquarius, il costante e profondo impegno che il CNGEI mette quotidianamente nell’educare i giovani all’accoglienza, al rispetto e alla tutela dei diritti
  • testimoniare tutta la nostra solidarietà a coloro che si vedono negati i propri diritti

“Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.”
( Art. 1, Dichiarazione universale dei diritti umani, Parigi 1948).

Gianpino Vendola, Capo Scout
Enrico Corradini, Presidente Nazionale